Magazine

#unaparolapernemo: ecco come “donare” la tua voce a chi l'ha persa

Eros Ramazzotti SLA 370x180

NEWS DA Fondazione Telethon

È iniziata la campagna #unaparolapernemo finalizzata alla creazione di una “Banca della Voce”.

Spiega Alberto Fontana, presidente del Centro Clinico NeMO, promotore dell’iniziativa: «La voce rappresenta la nostra unicità, come un’impronta digitale il nostro timbro vocale ci caratterizza e ci differenzia da chiunque altro, così come siamo abituati a riconoscere gli altri dalla loro voce senza rendercene conto. Per questo vogliamo prenderci cura dei nostri pazienti, ai quali la malattia ha tolto la capacità di comunicare con la propria voce. Il nostro sogno è di raccogliere un intero vocabolario di parole di cui è ricca la nostra lingua italiana».

Cosa possiamo fare noi per contribuire alla campagna? Possiamo “donare” una parola. Farlo è molto semplice: basta scaricare l’app NeMO-MY VOICE e registrare la parola che abbiamo scelto regalandola alle persone a cui la malattia ha tolto la possibilità di comunicare con la propria voce. La parola pronunciata verrà inviata dall’App stessa in un vocabolario posto nel cloud: un archivio della voce che supporterà tutte le attività del Centro Clinico NeMO legate alla messa a punto del progetto “Banca della Voce”. L’App NeMO-MY VOICE può essere scaricata su tutti gli smartphone dalle piattaforme Apple Store e Google play al costo di 2,30 euro. Il ricavato dei download andrà in donazione al Centro Clinico NeMO per sostenere tutte le progettualità di “Voice Banking”.

La campagna #unaparolapernemo nasce da un video che racconta un esperimento sociale di cui è protagonista Francesco, un paziente del Centro Clinico NeMO a cui è stata diagnosticata la sla quattro anni fa ed è realizzata con la collaborazione della Fondazione Vialli e Mauro per la Ricerca e lo Sport Onlus, con il patrocinio di Aisla Onlus, l’Associazione italiana sclerosi laterale amiotrofica, punto di riferimento da oltre trent’anni per l’assistenza delle persone con sla e tra i soci fondatori del Centro Clinico NeMO.

Scarica la App NeMO MY Voice da App Store e Google Play

Read more...

Malattie neurodegenerative

neuro

Uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Alzheimer's Disease, dai ricercatori del Centre Hospitalier Universitaire di Toulouse (Francia), evidenzia che la scala “McNair and Kahn scale or Cognitive difficulties scale” potrebbe aiutare a riconoscere l’insorgenza delle malattie neurodegenerative. Questo strumento potrebbe aiutare a diagnosticare un disturbo mnemonico, chiamato declino cognitivo soggettivo (Scd), difficile da diagnosticare ma piuttosto diffuso tra le persone di una certa età.

Read more...

«Siamo per una sanità che non ha colore»

d«La sanità non deve avere colore politico ma guardare alla persona, ai suoi bisogni, alle sue problematiche sanitarie, cercando di dare sempre più risposte calate nel vissuto dei pazienti e non su generici sistemi

numerici che non tengono conto dell’umanità della gente».

Read more...

Sindrome del bambino scosso

SHAKEN BABY SYNDROME: CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE LANCIATA DA TERRE DES HOMMES

 

 

shaken-locandina-pic

 

Il pianto infinito e inconsolabile di un neonato nel cuore della notte. Quel pianto che sembra non voler finire mai, che toglie il sonno e a cui i neo-genitori non riescono a porre fine malgrado tutto l’impegno e le attenzioni rivolte al bimbo. Una situazione altamente stressante per chi sta muovendo i primi passi nel cammino della genitorialità. E che, se non viene gestita correttamente, può provocare gravi conseguenze per la salute del bambino.

Read more...

La logopedia

logop
La logopedia  è una branca della medicina che si occupa dello studio, della prevenzione, della valutazione e della cura delle patologie e dei disturbi della voce, del linguaggio, della comunicazione, della deglutizione e dei disturbi cognitivi connessi come per esempio la memoria e l'apprendimento.
Read more...

Pressione sanguigna sotto i 130/80

Pressione altaL'American Heart Association sostiene che la pressione sanguigna dovrebbe restare sotto i 130/80, quindi, si rivedono le precedenti raccomandazioni, in base alle quali i valori pressori cominciavano a essere considerati alti quanto toccavano i 140/90.

Read more...
Subscribe to this RSS feed