Magazine

L'uso di cannabis influenza l'elaborazione delle emozioni

La cannabis sembra avere un impatto significativo sul riconoscimento e l'elaborazione delle emozioni umane come la felicità, la tristezza e la rabbia, secondo la ricerca pubblicata sulla rivista PLOS One .
Usare la marijuana può cambiare il modo in cui le persone elaborano le emozioni.
Gli scienziati stanno appena iniziando a capire come la cannabis colpisce il cervello.
 
Il consumo di cannabis è noto per causare cambiamenti immediati, residui e a lungo termine dell'attività cerebrale che possono influenzare l'appetito e l'assunzione di cibo, i modelli di sonno, la funzione esecutiva e il comportamento emotivo.
 
Prove contrastanti hanno suggerito che può intensificare gli stati d'animo sia positivi che negativi.
 
Lucy Troup, assistente professore di psicologia presso la Colorado State University, e i suoi studenti laureati volevano vedere come, se non del tutto, la cannabis influenza la capacità di una persona di elaborare le emozioni.
 
Per circa 2 anni, il team ha condotto esperimenti utilizzando un elettroencefalogramma (EEG) per misurare le attività cerebrali di circa 70 volontari.
 
Tutti i partecipanti si sono identificati come cronici, moderati o non utilizzatori di cannabis. Tutti sono stati confermati come utilizzatori legali di marijuana nell'ambito dell'emendamento 64 di Colorado, consumatori di marijuana medica di età pari o superiore a 18 anni o come utenti ricreativi di età pari o superiore a 21 anni.
 
Un EEG può registrare un'ampia varietà di attività cerebrale generalizzata. In questo studio, i ricercatori lo hanno usato per misurare il "potenziale correlato all'evento P3" dei partecipanti.
 
P3 si riferisce all'attività elettrica nel cervello che viene attivata notando qualcosa visivamente. L'attività P3 è nota per essere correlata all'attenzione nel processo emotivo.
 
Mentre erano collegati a un EEG, i partecipanti rispondevano ai volti con quattro espressioni distinte: neutrali, felici, paurosi e arrabbiati. Il team ha raccolto dati P3 che hanno catturato le reazioni in alcune parti del cervello quando i soggetti si sono concentrati sul viso.
 
I consumatori di cannabis hanno risposto più intensamente ai volti che mostravano espressioni negative, in particolare quelle arrabbiate, rispetto ai controlli. Al contrario, la loro risposta a espressioni positive, rappresentate da volti felici, era più piccola di quella dei controlli.
 
Poca differenza è stata osservata tra le reazioni degli utenti di cannabis e dei non utenti quando è stato chiesto di prestare attenzione e di identificare "esplicitamente" l'emozione.
 
Tuttavia, gli utenti di cannabis hanno ottenuto punteggi più bassi in un'attività che ha chiesto loro di concentrarsi sul viso e quindi di identificare l'emozione. Ciò suggerisce una ridotta capacità di identificare "implicitamente" le emozioni e di empatizzare a un livello emotivo più profondo.
 
I ricercatori concludono che la cannabis influisce sulla capacità del cervello di elaborare le emozioni, ma che il cervello può essere in grado di contrastare gli effetti, a seconda che le emozioni siano rilevate esplicitamente o implicitamente.
 
 
Commenti di Troup:
 
" Non stiamo prendendo una posizione pro o anti, ma vogliamo solo sapere, che cosa fa? Si tratta davvero di dare un senso ad esso."
 
Spiega che l'obiettivo del paradigma dell'elaborazione delle emozioni era vedere se le reazioni nelle persone che usano la cannabis sarebbero diverse da quelle che non lo fanno.
 
In ulteriori studi, Troup sta esaminando gli effetti della cannabis su disturbi dell'umore come depressione e ansia , e uno dei membri del suo team sta studiando l'effetto della cannabis sull'apprendimento.